ARREDI TECNICI – BANCHI DA LABORATORIO – BANCHI GALENICI

  • I nostri arredi rappresentano oggi la soluzione più avanzata per l’allestimento di un laboratorio di analisi chimiche, cliniche, fisico-chimiche e batteriologiche
  • Particolare importanza è stata data nel progettare le strutture al concetto di modularità che consente, partendo da una base di 120 cm, di aggiungere moduli da 60 cm per realizzare l’arredo della misura desiderata
  • La rigorosa selezione dei materiali e della componentistica, il rispetto delle vigenti normative internazionali, il sistema di qualità sono garanzia di qualità ed assoluta sicurezza
  • CATALOGO – LISTINO ARREDI

Descrizione

STRUTTURA PORTANTE

In elementi modulari di acciaio UNI (R=60 kg/mm2) a sezione quadra 60 x 40 x 3 mm grandi pesi e 60 x 20 x 2 per piccoli pesi.Le saldature sono fatte elettricamente ad arco continuo; quelle a bassa temperatura sono effettuate in modo da garantire una resistenza di 80 e 55 kg/mm2.

Tutte le strutture sono prima fosfatate e quindi trattate con vernici epossidiche di spessore superiore a 80 micron, in modo da formare un film protettivo ad alta durezza e resistenza ai solventi, agli acidi ed alle basi, con elevata stabilità alla luce e al calore. Il tutto ottenuto con procedimento elettrostatico e cottura finale in forno.

BASI DEI PIANI DI LAVORO

Sono costituti da una base di legno conglomerato ignifugo F1 e idrofugo, secondo norme DIN 68763, UNI EN 120/92, Classe E1, resistente alla flessione DIN 52362, spesso 28 mm che, dopo essere stato trattato con uno speciale sistema antideformante ed impermeabilizzante viene rivestito di gres, laminato, moplen, acciaio o altro rivestimento.

PERIMETRO DEI PIANI

Ad eccezione di quelli in laminato, il perimetro del piano ha bordi rialzati antidebordanti secondo le norme DIN 12916.

PIANI PIASTRELLATI IN GRES

Le piastrelle di fabbricazione CESI, sono di cm 10 x 10, in gres porcellanato cotto a una temperatura di 1200-1300°C.

Praticamente inattaccabili dagli acidi e dalle sostanze corrosive secondo norme DIN 28062 12912.

PIANI IN LAMINATO

Base costituta legno conglomerato ignifugo F1 e idrofugo, secondo norme DIN 52634, DIN 68763, UNI EN 120/92, Classe E1, resistente alla flessione DIN 52362, spesso 28 mm che, trattato con uno speciale sistema antideformante ed impermeabilizzante.
Rivestimento in laminato melaninico spessore 0,8 mm, secondo DIN 52634, resistente all’abrasione e agli urti secondo DIN 53799; quindi facile da pulire e da decontaminare.

PIANI IN MOPLEN (polipropilene)

I piani in Moplen, per le peculiari caratteristiche chimiche e fisiche che presentano, sono particolarmente adatti per batteriologia e clinica. Il Moplen, stampato ad iniezione in un unico pezzo, spessore 4 cm, è provvisto di con bordi rialzati antidebordanti.

PIANI IN ACCIAIO PORCELLANATO

Realizzati secondo le più avanzate tecniche costruttive e in rispetto alle più recenti normative comunitarie: lo smalto è perfettamente resistente agli acidi secondo norme UNI 5717, quindi in classe AA; totalmente esenti da corrosione in quanto testati per 480 ore a 35°C alle prove con nebbia salina; non subiscono alcun degrado a contatto del calore, né rilasciano gas tossici (normativa classe 0); inalterabili nel tempo agli gli agenti atmosferici, alla luce, ai raggi UV e ogni tipo di detergente. Pertanto i nostri piani in acciaio porcellanato rispondo ai seguenti requisiti di legge:

MOBILETTI SOTTO PIANO

Realizzati secondo norme DIN 53151, DIN 53156, in conglomerato ignifugo classe 1, rivestiti di laminato plastico melaninico spessore 0,8 mm, ignifugo classe 1 e classe E1, sono resistenti agli acidi, alcali, oli, detergenti; completamente atossici ad elevato isolamento elettrico e particolarmente resistenti agli urti e abrasioni.

I mobiletti inseriti sotto i banchi sono estraibili in quanto provvisti di ruote piroettanti che sopportano fino a 120 Kg; quelle anteriori sono munite di freno onde evitarne involontari spostamenti. Costituiti di conglomerato di legno pressato ignifugo e idrofugo spesso 18 mm placcato e controplaccato in laminato plastico.

Antine
Le Antine incernierate con speciali cerniere apribili a 180 gradi, sono a battente.
I bordi
I bordi delle antine sono “anti contusione”, cioè realizzati senza spigoli vivi, ma rivestiti con profili di PVC arrotondati.
Cassetti
Ogni mobiletto è provvisto di un cassetto superiore scorrevole su ruote di PVC inserite in guide metalliche, con blocco di fine corsa e di apertura consentendo di poterlo utilizzate anche aperto senza pericolo che esca fuori sede. Il bordo di ogni cassetto è di tipo “anti contusione”, cioè senza spigoli vivi, ma rivestito con profili di PVC arrotondati.
Maniglie
Le maniglie delle antine e dei cassetti sono in polimero morbido anti urto stabili conformemente alla UNI 8596 Tutto secondo normativa italiana CSE 2/75/A e CSE RF 3/77. Classificazione V100 K secondo DIN 52364

PRESE ELETTRICHE e IMPIANTI

Tutte di produzione Palazzoni, sono su funghi in contenitori stagni ignifughi, protette IP 55 con membrana trasparente resistente ai raggi UV, conformi alle norme CEI23-5, CEI23-16, CEI23-9, E CEI EN 60529; per corrente da 220V 50Hz.

Ogni torretta elettrica realizzata in nylon ignifugo anti estinguente caricato vetro W-0 corredata di una o più prese bivalenti, alveoli con schermo di protezione anti intrusione per corrente da 250V 50Hz ed carico max 10-16A, interruttore a tasto oscillate 16A, fusibile 16A, protette IP 44 con coperchio in materiale termoindurente rinforzato resistente al calore anormale, al fuoco, agli agenti chimici, umidità e ai raggi UV.

Le distribuzioni sono realizzate con tubo rigido e guaina in PVC autoestinguente.

I conduttori sono Uo/U 0.6/1 Kv FG10M1, CEI 20.22 III, CEI 20.37, CE 20.38, CEI 20.35.

Le giunzioni fra porta conduttore e le custodie delle apparecchiature elettriche sono realizzate con opportuni raccordi in grado di garantire un grado di protezione meccanica uguale o superiore a IP 555. Tutti i conduttori impiegati sono conformi e di una sezione non inferiore a 2,5 mm.
Tutto secondo legge 46/90.

GRUPPI ACQUA

Su colonna, in ottone verniciato antiacidi a comando diretto:
attacco G/3/8 e G 1/2 DIN 2999 TEIL 1 beccuccio a oliva con collegamento a vite DIN 12898 vitone con manopola con colore di identificazione verde DIN 12920 a regolazione normale pressione massima di lavoro 10 Bar rumore dello scorrimento acqua secondo DIN 4109 precauzioni nell’istallazione secondo DIN 1988.

Rubinetti per acqua distillata o demineralizzata realizzati in PVC con chiusura a membrana.

VASCHETTE SCARICO ACQUA

Incastonate sul piano, sono realizzate in moplen; complete di sifoneria con attacchi 1/2”, resistente agli acidi, alle basi, ai solventi e a temperature di 90 °C, secondo norma DIN 28062 e 2920;

Le dimensioni sono standard 10 x 10cm, oppure a scelta del cliente.

RUBINETTI PER GAS COMBUSTIBILE E GAS TECNICI

Specifici per gas combustibile, sono realizzati in ottone verniciato antiacidi a comando diretto conformi alle norme UNI CIG 7140-72 e 7141-72:

  • attacco G/3/8 e G 1/2 DIN 2999 TEIL 1
  • beccuccio a oliva con collegamento a vite DIN 12898
  • vitone con chiusura ceramica e scatto di sicurezza in caso di mancanza gas, assolutamente privo di manutenzione
  • manopola con colore di identificazione gialla DIN 12920 a regolazione normale
  • pressione massima di lavoro 0,2 Bar
  • A norme lDIN-DVGW corrispondente DIN 3537 TEIL 1

Tutto secondo norme DIN 3537 parte 1-3.

I rubinetti per gas tecnici sono dotati di vitone con valvola di regolazione a spillo per la regolazione fine della portata; su richiesta, possono essere forniti completi di manometro.

PORTAREAGENTI

In cristallo temperato da 10 mm a norme DIN 7142, UNI 6256/1, sostenuto da colonne in ottone nei banchi centrali, largo 30 cm, lungo quanto il banco.

Conformi alle norme UNI 6256/1 FA 110-83, – 01-04-83 e aggiornamento n. 1 alla UNI 6256 (lug. 1968).

Ti potrebbe interessare…